QUANDO LE MACCHINE VINCONO 10-0

MACCHINE VINCONO 10 A 0

“La macchina non sarà mai come l’uomo”

“L’uomo pensa, decide, reagisce alle situazioni”

“L’uomo vince sempre”

Tutto vero, ma c’è un problema!

Quando lavori la filosofia delle cose è l’ultimo dei tuoi interessi.

Se vuoi incrementare i tuoi margini, la macchina deve vincere: deve fare un tempo ciclo migliore, deve usare meglio gli utensili; in una parola, ti deve far guadagnare.

Non tutte le macchine vincono contro gli uomini, Le mie vincono sempre…ma quando i pezzi sono pesanti o grandi vincono ancora più facilmente.

Ma andiamo per passi.

Se il tuo operatore lavora pezzi di piccole dimensioni, il tempo ciclo che lui riesce a fare è molto simile a quello del robot.

La macchina vince comunque sulla costanza. Magari l’operatore riesce a fare un tempo ciclo migliore per due pezzi di fila…ma a fine serata la macchina ha prodotto molti più pezzi.

Anni fa ho venduto una macchina di sbavatura ad un piccolo artigiano. Lui sosteneva di essere più veloce del robot. Si sedeva tutte le mattine vicino al robot alla sua unità di lavoro manuale….

Pronti, VIA!

La sfida iniziava ogni santo giorno.

Per la prima ora di produzione vinceva lui…poi la macchina iniziava a macinare pezzi e il suo vantaggio si riduceva minuto dopo minuto.

A sera il robot aveva prodotto il 30% in più.

Tutto sommato la macchina non era così conveniente.

Ma c’è un problema!

Non poteva fare tutto personalmente, o piazzare le migliori persone a fare questo lavoro.

La sua impresa cresceva e non riusciva più a sfidare il robot ogni mattina, doveva gestire l’azienda.

Così aveva assunto un dipendente, lo aveva istruito al meglio…e ogni mattina…

Pronti, VIA!

Il nuovo operatore iniziava a perdere i colpi da subito.

A sera la macchina aveva prodotto il doppio!

Come è possibile!

Allora ha assunto un’altra persona…I suoi risultati non cambiavano, anzi si è trovato con operatori che oltre ad essere più lenti della macchina facevano anche scarti! Doppio costo!

Così si è rassegnato. Ha installato una fila di macchine che producono il doppio o anche 3 volte un operatore normale.

Ma analizziamo la situazione per passi, quando la macchina stravince?

La macchina stravince quando:

  • Il pezzo è oltre i 0.5 Kg
  • Il pezzo è più grande di 300x400x100 mm
  • Il tempo ciclo è molto veloce (meno di 20 sec)
  • Le operazioni da fare sono più di 2
  • La richiesta di precisione è elevata

Il pezzo è oltre i 0.5 Kg

Ogni uomo può portare un peso contenuto. Se il pezzo da lavorare è troppo pesante l’operatore si stanca e presto la sua produttività decresce.

La macchina può essere costruita per portare grandi masse. Normalmente per una macchina di sbavatura si usa un robot di portata 45 Kg, ma è possibile realizzare macchine con robot che portano 150Kg o 200 o 400 Kg. La macchina non ha limiti di peso.

Per risolvere il problema l’operatore appoggia il pezzo su un banco e inizia a usare utensili portatili

Ma c’è un problema!

Questi utensili hanno poca potenza, poca capacità di abrasione. Se sono utensili abrasivi si consumano velocemente.

Se il tempo ciclo che puoi fare portando il pezzo è di 60 secondi, quando porti gli utensili il tuo tempo ciclo diventa di almeno 100 secondi.

La macchina senza difficoltà manipola il pezzo su unità con grande potenza e lo lavora in modo preciso e veloce.

Il pezzo è più grande di 300x400x100 mm

L’operatore riesce a manipolare pezzi con dimensioni limitate.

Se il pezzo diventa troppo grande, durante la manipolazione il baricentro del pezzo va troppo lontano dalla schiena dell’operatore. Lui si affatica e in poco tempo sarà a casa in mutua.

Inizierà a diventare dipendente dal Voltaren.

Magari hai trovato un operatore che ce la fa, ma c’è un problema!

La media degli operatori non può portare pezzi così grandi!

Quando il tuo operatore grande e grosso si fa male, sei disperato!

La macchina invece non ha problemi di questo genere. Il robot è dimensionato per portare pezzi di grandi dimensioni. Il robot a seconda della sua dimensione può portare pezzi fino a 2 metri di dimensione, senza problemi e a velocità incredibili.

Il tempo ciclo è molto veloce (meno di 20 sec)

Se il tempo ciclo è veloce l’operatore va sotto stress.

L’operatore si trova sotto pressione. Deve essere veloce, deve essere concentrato, deve continuare a produrre.

Magari ce la fa per qualche ora, ma c’è un problema!

Dopo alcuni minuti inizia a cedere ad essere logorato da questo dovere di produrre.

Crolla e insieme a lui crolla la tua marginalità.

La macchina invece continua, fa 20 secondi (o meno) per il primo pezzo, poi martella tempi su tempi. Non si ferma mai. Il tuo margine è costante, da mattina a sera, dal lunedì al lunedì dopo.

Le operazioni da fare sono più di 2

Quando un operatore deve fare più di 2 operazioni cosa fa?

Prende il pezzo da un cassone, lo lavora, lo riappoggia in un altro cassone.

Dopo aver lavorato un lotto, prende il pezzo nuovamente dal cassone, poi lo deposita di nuovo in un contenitore.

Passa il suo tempo a prendere e lasciare i pezzi nel contenitore.

Hai fatto i conti di cosa ti costa?

Paghi il personale per spostare i pezzi da un cassone ad un altro.

La macchina invece lavora in modo diverso.

Il robot preleva il pezzo, lavora su una prima unità, poi su una seconda, poi su una terza, poi su una quarta. Fa fino a 10 operazioni diverse nel medesimo ciclo.

Solo con questo, la macchina distacca l’uomo di 10 lunghezze!

La richiesta di precisione è elevata

Quando l’operatore deve fare un lavoro preciso, il suo ritmo è inesorabilmente lento.

Certo, può fare un lavoro preciso. Magari gli costruisci anche delle maschere dove inserire il pezzo per verificarlo.

Ma c’è un problema!

Lavora il pezzo con attenzione (quindi lentamente), poi lo guarda, poi lo riguarda, poi lo riguarda ancora.

Se la produttività normale è d 60 pezzi per ora, quando gli dici di fare attenzione la sua produttività diventa 30 pezzi per ora. La produzione è dimezzata!

La macchina non si ferma mai. Non guarda mai, produce e basta.

E’ sempre precisa a prescindere da quello di cui tu hai bisogno.

Produce un pezzo dopo l’altro con la medesima produttività e precisione. Una precisione che il tuo operatore si sogna.

Per riassumere:

La macchina vince sempre sull’uomo, ma se il pezzo è grande o pesante vince molto facile: una macchina sostituisce tanti operatori!

Se credi che il tuo operatore sia meglio della mia macchina, allora non chiamarmi.

Se invece vuoi fare un passo verso il futuro, vuoi incrementare i tuoi margini, aumentare la soddisfazione del tuo cliente, allora non puoi aspettare altro tempo.

Allora ti invito a prendere appuntamento quanto prima. Ogni secondo che passa ti sta costando troppo!

SCRIVIMI SUBITO A piercarlo@castingautomation.com

Piercarlo Bonomi
Il Primo Esperto in Macchine Robotizzate di Taglio e Sbavatura

SCARICA REPORT GRATUITO

GLI 8 SEGRETI PER INVESTIRE IN UN IMPIANTO ROBOTIZZATO